Se sei un editore, saprai che analizzare l’efficacia degli annunci sul tuo sito a volte può essere difficile, soprattutto se si tratta di misurazioni e piattaforme diverse. Questo post del blog illustra le metriche chiave che aiutano gli editori a capire come misurare le prestazioni della loro pubblicità sul sito. 

Indice

Perché gli editori dovrebbero monitorare le metriche pubblicitarie

La pubblicità display programmatica rende relativamente semplice generare entrate dal proprio sito. Tuttavia, poiché sono disponibili diversi tipi di annunci, opzioni di posizionamento e demand partner, è importante tenere traccia di ciò che funziona meglio per ottenere il massimo dei ricavi. Una misurazione efficace, utilizzando le giuste metriche, può aiutare gli editori a scoprire quali elementi della loro strategia pubblicitaria devono essere modificati o corretti, oltre ad aiutare a ottenere delle previsioni più accurate sui loro guadagni futuri.

5 metriche chiave da tenere d’occhio

Esistono diversi modi per valutare l’efficacia degli annunci sul proprio sito, ognuno con i propri vantaggi. Ecco cinque metriche che gli editori dovrebbero prendere in considerazione per misurare le prestazioni degli annunci: 

Tasso di click-through (CTR)

Misura la percentuale di visitatori che leggono una pagina web e poi cliccano su un annuncio specifico visualizzato su quella pagina. Il tasso di click-through valuta l’efficacia di un annuncio nell’attirare l’attenzione dei visitatori. 

Il CTR è determinato da numerosi criteri, tra cui la qualità degli annunci visualizzati e il tipo di contenuto del sito. Può essere influenzato dai tipi e dalle dimensioni degli annunci che scegliete di mostrare, nonché dalla loro posizione nella pagina, quindi è utile tenerlo in considerazione quando decidete quali posizionamenti utilizzare. Tuttavia, non vi dice quali annunci vi fanno guadagnare di più.

Visibilità

La visibilità degli annunci si riferisce al grado di visione degli annunci da parte degli utenti di un sito web o di un’applicazione mobile. Secondo l’Internet Advertising Bureau (IAB), per considerare un annuncio “visto”, il 50% del banner o del contenuto deve essere visibile sullo schermo per più di un secondo. 

Garantire un’elevata visibilità è fondamentale per massimizzare il valore dell’inventario, poiché gli inserzionisti vogliono evitare di sprecare denaro per annunci che non verranno visti. La visibilità può differire notevolmente tra desktop e mobile, quindi è importante analizzarli entrambi e modificare i posizionamenti degli annunci, se necessario.

Costo per Mille (CPM)

Il CPM è semplicemente l’importo che un inserzionista paga per mille impressioni di un annuncio, in altre parole:

CPM = Costo / impressioni servite x 1000

In quanto tale, è più importante per gli inserzionisti che per i proprietari di media, ma è ancora spesso utilizzato dagli editori per misurare l’efficacia dei loro annunci. Tuttavia, il CPM presenta limitazioni significative in questo senso. Ad esempio, il CPM non tiene conto del “tasso di riempimento” di un annuncio (cioè la percentuale di impressioni in cui un annuncio viene effettivamente servito), quindi un annuncio con un CPM più basso potrebbe comunque essere più redditizio se il suo tasso di riempimento è più alto.

Costo effettivo per mille: (eCPM)

L’eCPM è molto simile al CPM, ma cerca di risolvere il problema del “tasso di riempimento” di cui sopra considerando solo le impressioni in cui l’annuncio viene servito. In altre parole:

eCPM = ricavi / richieste di annunci x 1.000

Ciò lo rende migliore per misurare le prestazioni dei singoli annunci, ma meno efficace quando si considera l’efficacia complessiva della configurazione pubblicitaria del sito. Infatti, è probabile che l’aggiunta di più annunci in una pagina aumenti le entrate complessive. Tuttavia, se le unità pubblicitarie aggiuntive hanno un eCPM inferiore a quello della prima, l’eCPM complessivo della pagina sarà inferiore a quello di una sola unità pubblicitaria.

RPM di sessione

L’RPM di sessione considera i ricavi per mille sessioni, in altre parole:

RPM di sessione = Ricavo totale / Sessioni del sito web x 1000

Per sessioni intendiamo essenzialmente le visite al vostro sito web – tutto ciò che un utente fa sul vostro sito fino a quando non se ne va o non rimane inattivo per almeno 30 minuti.

Questa è forse la metrica più utile per gli editori interessati a massimizzare le entrate del sito. Considera i guadagni complessivi derivanti da ogni visita al sito da parte di un utente, indipendentemente dal numero di annunci pubblicitari serviti o dal numero di pagine visitate dall’utente. In quanto tale, può aiutare a determinare l’impostazione degli annunci che porterà i maggiori guadagni. In effetti, è più utile che misurare le entrate totali, poiché anche queste possono essere influenzate da una variazione dei livelli di traffico.

Come tenere traccia delle statistiche chiave

Considerare diverse metriche può aiutarvi a identificare i punti in cui la vostra impostazione pubblicitaria può essere potenzialmente migliorata per aumentare le vostre entrate.

La piattaforma avanzata di Clickio per gli editori vi consente di pubblicare annunci da più partner premium e di tenere traccia di tutte le vostre metriche chiave in un’unica piattaforma. 

Inoltre, si integra con Google Analytics e offre il monitoraggio in tempo reale di Core Web Vitals, in modo da tenere traccia del coinvolgimento degli utenti.Potete registrarvi gratuitamente sulla piattaforma Clickio qui o contattarci per saperne di più.