L’implementazione di annunci multi-size (annunci a più dimensioni) continua a crescere sia tra i network pubblicitari sia tra gli editori perché porta buoni risultati in termini di entrate pubblicitarie. Tuttavia, nonostante l’ottimizzazione dei guadagni, la risposta alla domanda su come ridurre al minimo lo spostamento del layout (il layout shift) nelle pagine con annunci multi-size non è ancora stata data. In questo blog post, scopriremo cos’è il layout shift e come può essere ridotto nelle pagine con annunci multi-size.


Indice


Cos’è il layout shift e cosa lo causa?

Il layout shift è un movimento del contenuto della pagina senza l’intenzione dell’utente o la notifica preventiva (ad esempio, il testo che si sposta verso il basso o verso l’alto nella pagina o un link che cambia la sua posizione magari proprio mentre l’utente sta cercando di fare clic su di esso). Salti imprevisti del contenuto durante la navigazione in un sito web possono causare confusione e frustrazione, che alla fine conducono a una user experience negativa e alla perdita di fedeltà da parte dei propri lettori. Inoltre, i cambiamenti di layout possono portare a clic accidentali che hanno un impatto negativo sui guadagni pubblicitari.

L’instabilità del layout può essere causata da elementi caricati in modo asincrono o da altri elementi che vengono aggiunti dinamicamente alla pagina, sopra il contenuto visualizzato. In pratica, può dipendere da elementi “senza dimensioni” esplicite (ad esempio, immagini o video), dall’uso errato dei caratteri, e, più frequentemente, dagli annunci che vengono aggiunti dinamicamente o ridimensionati, noti anche come annunci multi-size.

Come misurare il layout shift?

Nel maggio 2020, Google ha introdotto una serie di metriche, i Core Web Vitals, capaci di mostrare se un sito sia in grado di garantire un’esperienza di navigazione positiva ai suoi utenti. In particolare, le metriche misurano la velocità di caricamento del sito, l’interattività e la stabilità visiva del contenuti della pagina. Una delle metriche, il Cumulative Layout Shift (CLS), affronta specificamente il problema dell’instabilità del layout e misura, in parole semplici, quanto spesso si verificano gli spostamenti del layout per gli utenti finali e quanto grandi e impattanti siano.

Il Cumulative Layout Shift può essere misurato attraverso tutti i principali strumenti per web developer di Google, tra cui Lighthouse, PageSpeed Insights, Chrome DevTools, Search Console, web.dev’s measure tool, la Web Vitals Chrome extension e la API Chrome UX Report.

Il CLS varia da 0 (senza spostamenti) a 1 (spostamenti massimi). Secondo Google, un sito con una buona user experience è un sito che ha CLS inferiore a 0,1.

Source: web.dev – https://web.dev/cls/

Come ridurre al minimo il layout shift nelle pagine con annunci multi-size?

Come accennato in precedenza, uno dei motivi più frequenti per il layout shift è la natura dinamica degli annunci. Gli annunci multi-size (che supportano creatività di dimensioni diverse), nonostante causino effettivamente qualche cambiamento di layout, hanno in media un rendimento migliore rispetto agli annunci di dimensioni fisse.

I motivi principali per cui si verificano gli spostamenti sulle pagine con annunci multi-size sono il caricamento asincrono e l’insufficiente spazio riservato per gli annunci. Per risolvere questi problemi, un’opzione potrebbe essere quella di riservare uno spazio per gli annunci adattato alle dimensioni più frequenti, da determinare in base ai dati storici dei report di Google Ad Manager. Oppure riservare uno spazio fisso necessario all’erogazione della dimensione più grande possibile attraverso l’annuncio stesso. Tuttavia, a entrambe queste soluzioni può seguire il rischio di avere spazi vuoti se, all’interno dello slot pubblicitario, vengono mostrate le creatività più piccole. Infatti, gli spazi vuoti intorno agli annunci più piccoli portano ad una scarsa user experience e ad una bassa visibilità, che potrebbero influire sui guadagni pubblicitari.

Come ridurre il layout shift nelle pagine con annunci multi-size attraverso Clickio Prism?

Per risolvere il problema della bassa visibilità e della scarsa user experience sulle pagine con annunci multi-size, Clickio ha sviluppato una funzionalità chiamata Mini-sticky, che riduce notevolmente lo spostamento del layout senza influire sui guadagni pubblicitari.

Fissando le dimensioni dell’area annuncio, le creatività di dimensioni inferiori si spostano all’interno dell’area annuncio mentre l’utente scorre la pagina, rimanendo visibili per più tempo. Ciò porta a tassi di conversione più elevati e migliora la user experience.

I test interni di Clickio hanno mostrato che la funzione Mini-sticky riduce di oltre il 90% il layout shift correlato agli annunci multi-size, aumentando inoltre la visibilità.

La funzione Mini-sticky è disponibile per tutti gli editori Clickio su Prism, una tecnologia capace di trasformare qualsiasi sito di contenuti in una Progressive Web App, rendendolo così più veloce, interattivo e stabile.

Se desideri saperne di più su come ridurre al minimo i cambiamenti di layout attraverso il Mini-sticky su Prism, non esitare a contattare il team di Clickio.