Indice

Per molti siti web, gran parte del traffico proviene dai motori di ricerca, per cui assicurarsi che le pagine siano posizionate in modo ottimale per le parole chiave scelte potrebbe aumentare significativamente le visite al sito. Questo è particolarmente importante se sul vostro sito sono presenti annunci pubblicitari, in quanto un maggior numero di visitatori significa un aumento delle entrate derivanti da coloro che visualizzano e fanno clic su quegli annunci.

L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) è un settore a sé stante e sono molti i fattori che possono influenzare le classifiche di ricerca, ma in questo articolo esaminiamo il potenziale impatto della presenza di pubblicità sul vostro sito e cosa potete fare per garantire che gli annunci non influiscano negativamente sulle vostre classifiche di ricerca.

La presenza di annunci pubblicitari sul vostro sito potrebbe migliorare le vostre classifiche di ricerca?

Quando si parla di SEO, in genere ci si riferisce all’ottimizzazione del sito per Google, che è di gran lunga il motore di ricerca più diffuso a livello globale. Alcuni ritengono che la visualizzazione di annunci pubblicitari di Google, ad esempio tramite AdSense o AdManager, possa far sì che un sito si posizioni in modo più favorevole nei risultati di ricerca. Dopo tutto, l’invio di più traffico a un sito tramite AdSense dovrebbe far sì che gli annunci su quel sito ricevano più visualizzazioni e clic, aumentando così le entrate sia per l’editore che per Google.

Tuttavia, questa teoria è stata chiaramente smentita da Google, che l’ha persino trattata nella Guida ufficiale di AdSense. Google sostiene che AdSense non influisce sul posizionamento di un sito nelle SERP, Google sostiene la libera espressione e afferma che i suoi “risultati di ricerca non sono influenzati dalle relazioni con gli inserzionisti e gli editori paganti”.

La presenza di annunci sul vostro sito potrebbe danneggiare le vostre classifiche di ricerca? 

Al contrario, molti editori si preoccupano dei potenziali effetti negativi derivanti dalla visualizzazione di pubblicità sul proprio sito. Dopo tutto, i risultati di ricerca di Google tengono sempre più conto dell’esperienza dell’utente su una pagina e la presenza di annunci pubblicitari potrebbe comprometterla. In particolare, i Core Web Vitals (CWV) sono ora un fattore chiave per determinare le classifiche di ricerca e tutte e tre queste misure possono essere influenzate negativamente dagli annunci display.

  • Il Largest Contentful Paint (LCP) misura le prestazioni di caricamento, ovvero la velocità con cui il sito viene visualizzato sullo schermo. Dover attendere il caricamento di molti annunci può potenzialmente rallentare questo processo e indurre gli utenti ad abbandonare il sito prima che la pagina sia completamente caricata.
  • Il Cumulative Layout Shift (CLS) quantifica la stabilità visiva, ossia la quantità di movimenti imprevisti del sito dopo che il caricamento è già iniziato. Gli annunci pubblicitari non correttamente posizionati possono talvolta causare un improvviso spostamento del contenuto della pagina, infastidendo i visitatori e portando potenzialmente a clic accidentali sugli annunci.
  • Il First Input Delay (FID) considera l’interattività, ovvero il tempo necessario al sito per rispondere dopo che l’utente ha interagito con esso (ad esempio cliccando su un link). Anche in questo caso, l’interattività può essere rallentata se il sito sta caricando altri elementi, come gli annunci pubblicitari.

Tuttavia, per molti editori gli annunci pubblicitari rappresentano un’importante fonte di guadagno, quindi probabilmente non è auspicabile rimuoverli. La buona notizia è che è possibile mantenere gli annunci display e fornire comunque una buona esperienza all’utente, se si procede nel modo giusto.

Come ottimizzare la configurazione degli annunci per una migliore esperienza utente

Tenere traccia dei Core Web Vitals

Poiché i Core Web Vitals (CWV) sono un fattore determinante per le classifiche di ricerca di Google, è importante assicurarsi che il proprio sito sia conforme. Qui potete ottenere un rapido controllo dei vostri punteggi CWV attuali sia su desktop che su mobile. Tuttavia, se state pensando di apportare modifiche alla vostra configurazione di annunci, vale la pena di impostare il monitoraggio degli utenti reali, in modo da poter vedere immediatamente l’impatto di eventuali aggiornamenti e identificare tutto ciò che potrebbe far scendere i vostri punteggi.

Attenzione a non avere troppi annunci

È ovvio che si è tentati di inserire il maggior numero di annunci sul proprio sito per aumentare le entrate potenziali, ma un numero eccessivo di annunci potrebbe portare a una scarsa esperienza utente, a una velocità di caricamento più lenta e a una minore visibilità. L’insieme di questi fattori potrebbe farvi guadagnare meno rispetto a un numero inferiore di inserzioni ben selezionate.

Evitare formati pubblicitari troppo fastidiosi

Alcuni tipi di annunci in particolare, come i video in riproduzione automatica o i pop-up multipli, sono considerati particolarmente fastidiosi per gli utenti secondo le ricerche della Coalition for Better Ads. Gli editori devono assicurarsi di rispettare i Better Ads Standards della Coalition e le politiche di posizionamento degli annunci di Google.

Riservare uno spazio per il caricamento degli annunci

Spesso gli annunci si caricano più lentamente di altri contenuti della pagina, come il testo di un articolo. Questo può portare a un improvviso spostamento della pagina quando finalmente si caricano. Ciò non solo è fastidioso per gli utenti, ma rischia di abbassare il vostro punteggio CLS e può portare a un maggior numero di clic accidentali (e potenzialmente a penalizzazioni da parte di Google). 

È possibile evitare questo problema aggiungendo la larghezza e l’altezza dello slot pubblicitario, in modo che il browser lasci spazio all’immagine fino al suo caricamento. Ricordate però che gli annunci più piccoli potrebbero essere caricati all’interno dello spazio, quindi assicuratevi di creare uno stile adeguato e di utilizzare layout pubblicitari adattivi per assicurarvi di adattarvi alle dimensioni dello schermo e alla velocità di connessione di ciascun utente.

Utilizzare il caricamento pigro

Non è necessario caricare subito tutti gli annunci o le immagini di una pagina. Con il caricamento pigro, questi vengono visualizzati solo nel momento in cui l’utente scorre verso il basso fino alla parte pertinente della pagina. In questo modo si riduce il tempo di caricamento e si migliora il punteggio LCP.

Ottimizzare per i dispositivi mobili

Sebbene per molti editori la maggior parte del traffico provenga da dispositivi mobili, molti siti non sono ancora impostati correttamente per visualizzare gli annunci in modo ottimale su schermi più piccoli e con connessioni generalmente più lente. Spesso può essere utile utilizzare un template appositamente progettato per i dispositivi mobili, come Clickio Prism, che utilizza un codice leggero, layout degli annunci adattivi e un CDN globale per garantire che il sito venga sempre caricato rapidamente.

Provate diversi formati di annunci

Ottenere il giusto equilibrio tra entrate pubblicitarie ed esperienza dell’utente può essere complicato, per cui è consigliabile sperimentare diversi posizionamenti e formati. Ad esempio, gli annunci persistenti o il smart refresh degli annunci potrebbero aiutarvi ad aumentare le entrate dal vostro inventario di annunci esistente, senza sovraccaricare il vostro sito con ulteriori posizionamenti.

Naturalmente, è importante testare l’impatto di qualsiasi modifica apportata e perfezionare l’approccio nel tempo. Se avete bisogno di aiuto, contattate Clickio. La nostra piattaforma AI testa e regola costantemente diverse variabili per massimizzare le entrate, mentre un account manager dedicato può aiutarvi a selezionare i formati pubblicitari più appropriati per il vostro sito.

Potete registrarvi gratuitamente sulla piattaforma Clickio qui o contattarci per saperne di più.