Google Consent Mode V2: Tutto Ciò Che Devi Sapere

Google Consent Mode V2 – Scopri la sua rilevanza per i gestori di siti web, le differenze rispetto alla versione precedente e le opzioni disponibili. Resta aggiornato sulle dinamiche in evoluzione del panorama digitale e assicurati che il tuo sito sia conforme alle normative sulla privacy!

Indice

Cos’è Google Consent Mode V2?

Google Consent Mode V2 è un framework che consente a editori, proprietari di siti web e inserzionisti di comunicare lo stato di consenso ai cookie degli utenti in modo conforme a Google. Introdotto alla fine del 2023, non è solo un aggiornamento tecnologico ma una risposta alle nuove normative sulla privacy stabilite dall’Unione Europea.

Il Digital Markets Act (DMA) obbliga Google a rafforzare le protezioni del consenso dell’utente. Ciò significa garantire che i dati personali vengano raccolti legalmente e in modo trasparente, mantenendosi al passo con le normative sulla privacy in evoluzione.

Google Consent Mode V2 è obbligatorio?

In linea con l’impegno di Google a promuovere un ambiente pubblicitario digitale incentrato sulla privacy, Google sta rafforzando la nostra politica di consenso degli utenti dell’UE. 

Secondo Google, per continuare a utilizzare le funzioni di misurazione, personalizzazione degli annunci e remarketing, è necessario raccogliere il consenso per l’uso dei dati personali dagli utenti finali residenti nell’EEA e condividere i segnali di consenso con Google. I requisiti si applicano anche se si utilizzano i dati di Google Analytics con un servizio Google.

Senza il Consent Mode v2, Google Analytics non invierà informazioni a Google Ads, non includerà gli utenti dell’EEA nelle Liste di Pubblico e non traccerà le conversioni degli annunci. Ciò significa che l’integrazione è rilevante per i siti che acquistano pubblicità. Tutti i siti che pubblicizzano agli utenti dell’EEA devono agire e implementare il Consenso Modo v2.

Google Analytics ha iniziato a mostrare notifiche relative al Consenso Modo v2:

Per mantenere l’efficacia della personalizzazione degli annunci e delle misurazioni, controlla le impostazioni di consenso per il tag di Google e altre fonti di dati all’interno dei Flussi di Dati. Puoi utilizzare sia l’API del Consent Mode che una piattaforma di gestione del consenso per integrare i segnali di consenso. Esplora ulteriori dettagli sulla trasmissione dei segnali di consenso a Google Analytics.

Puoi selezionare la tua preferenza su come utilizzare i dati ottenuti con il consenso, confermando le impostazioni di consenso e rivedendo i servizi Google idonei a ricevere dati personali approvati dall’Area Economica Europea (EEA).

Perché è importante adeguarsi a Consent Mode V2 per i proprietari di siti web?

Adeguarsi a Consent Mode V2 è di grande importanza per i proprietari di siti web per diverse ragioni chiave. In primo luogo, questo strumento è un meccanismo cruciale per garantire che il tuo sito web sia conforme alle leggi sulla privacy, come il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR) dell’Unione Europea. La conformità a queste normative è una necessità legale e contribuisce a favorire la fiducia e la trasparenza con il tuo pubblico.

Un altro vantaggio significativo è l’utilizzo della modellazione delle conversioni, uno strumento potente per colmare le lacune di misurazione nelle interazioni multimediali. Questo è particolarmente prezioso quando il percorso dell’utente tra le interazioni con gli annunci e le conversioni non è direttamente osservabile. I proprietari di siti web possono sfruttare la modellazione delle conversioni per ottenere informazioni sul comportamento dell’utente e sull’efficacia delle campagne, anche in scenari di osservazione diretta limitata.

In conclusione, conformarsi a Consent Mode V2 è non solo un imperativo legale, ma anche una strategia fondamentale per dare priorità alla privacy, acquisire informazioni preziose e ottimizzare le strategie di pubblicità digitale.

Cosa cambia con Google Consent Mode V2? (Consent V1 vs Consent V2)

Google Consent Mode V2 porta cambiamenti significativi migliorando il controllo dell’utente con due nuovi parametri (ad_user_data e ad_personalization), offrendo opzioni avanzate di consenso e garantendo trasparenza. Gli utenti hanno ora maggiore controllo sull’uso dei loro dati, scegliendo tra due opzioni per un’esperienza personalizzata.

Cambiamenti in Google Consent ModeConsent Mode V1Consent Mode V2
Parametri di consensoOpzioni limitateIntroduce ad_user_data e ad_personalization per più scelte
Segnali per il consenso del visitatoreSegnali di base (ad_storage, analytics_storage, ecc.)Aggiunge segnali ad_user_data e ad_personalization per dati utente legati alla pubblicità
Creazione di pubblico e remarketingOpzioni limitateUtilizza nuovi segnali per una creazione avanzata di pubblico e remarketing
Vantaggi dell’utilizzo di Google Consent ModeModellazione AI limitataUtilizza la modellazione avanzata di AI per una migliore raccolta dati in assenza di consenso.
Impatto sulla raccolta datiUtilizza ping senza cookie quando il consenso viene rifiutato.Nuovi segnali e avanzata AI mitigano l’impatto sulla raccolta dati, fornendo maggiori informazioni.

Quali scelte sono disponibili per implementare Google Consent Mode V2?

I proprietari di siti web possono optare per Google Consent Mode Advanced o Basic, consentendo loro di personalizzare le esperienze utente in base alle loro preferenze. È importante notare che questa opzione non è una novità, in quanto già disponibile precedentemente.

La differenza tra la versione Basic e Avanzata di Google Consent Mode risiede nella gestione del caricamento dei tag Google e nel momento dell’interazione del consenso. Vediamo le differenze:

Modalità di consenso Basic:

  • Caricamento dei tag: i tag Google attendono di caricarsi fino a quando un utente fa clic su un banner di consenso.

Modalità di consenso Advanced:

  • Caricamento dei tag: i tag Google si caricano quando si apre il sito web, indipendentemente dall’interazione del consenso.

In sintesi, la modalità di consenso Basic ritarda il caricamento dei tag di Google fino a quando l’utente interagisce con il banner di consenso, mentre la modalità di consenso Advanced carica i tag indipendentemente e consente una limitata raccolta di dati anche prima del consenso esplicito. La modalità di consenso Advanced offre maggiore flessibilità in termini di impostazioni predefinite e fornisce agli inserzionisti un approccio più mirato alla modellazione dei dati.

Cosa bisogna fare per conformarsi al nuovo Consent Mode?

La transizione è relativamente semplice se si utilizza una soluzione da un CMP certificata da Google (come Clickio). Ogni fornitore specifica esplicitamente le azioni da intraprendere all’interno della propria piattaforma e le modifiche da apportare in Google Tag Manager.

Funzionalità di Consent Mode Advanced di Clickio:

Clickio Consent Mode V2 assicura un’integrazione senza problemi caricando i tag Google quando gli utenti aprono il sito web, indipendentemente dalla loro interazione con il consenso. Questa funzionalità semplifica l’esperienza dell’utente e consente un accesso ininterrotto ai contenuti.

Clickio Consent continua a innovare ed evolvere la sua piattaforma CMP per rispondere alle mutevoli esigenze dei proprietari di siti web e all’ambiente normativo.

Con Clickio come tuo CMP certificato da Google, puoi navigare con fiducia nel complesso panorama del consenso dell’utente e delle normative sulla privacy.

Per ulteriori dettagli e per rimanere aggiornato sulle normative del Consent Mode V2, consulta lo strumento Consent di Clickio.

(Visited 67 times, 1 visits today)