Nuova Metrica INP (Interaction to Next Paint) – Core Web Vitals

All’alba del 2020, il team di Google Chrome ha introdotto i Core Web Vitals, fornendo agli editori indicatori di qualità per le pagine web.

Nel maggio 2022, il team di Chrome ha annunciato un aggiornamento significativo: Google stava passando dal First Input Delay (FID) all’Interaction to Next Paint (INP) come nuova metrica dei Core Web Vitals, che mirava a valutare meglio la qualità dell’esperienza utente sulle pagine web.

Questo aggiornamento è entrato in vigore nel marzo 2024. Questo articolo approfondirà questo cambiamento e la sua importanza per la Ricerca Google e i proprietari del sito.

Indice

Perché Google ha introdotto l’Interaction to Next Paint (INP)?

La decisione del team di Chrome di promuovere l’Interaction to Next Paint (INP) come nuova metrica dei Core Web Vitals per la reattività del sito riflette l’impegno di Google nel migliorare l’efficacia delle metriche dei Core Web Vitals per soddisfare le esigenze in evoluzione degli sviluppatori web e degli utenti.

Introducendo una metrica più completa come l’INP, Google mira a fornire una valutazione più accurata dell’esperienza utente sulle pagine web e a guidare miglioramenti nelle prestazioni e nell’interattività del sito web.

Cos’è l’Interaction to Next Paint (INP)?

L’Interaction to Next Paint (INP) è una metrica vitale del web di base che misura la reattività della pagina utilizzando i dati dell’API di Event Timing. L’INP esamina quanto tempo ci vuole per clic, tocchi e azioni sulla tastiera su una pagina. Un punteggio INP basso indica una reattività costante e rapida alla maggior parte delle interazioni dell’utente.

Immagina un utente che naviga sul tuo sito web. Quando l’utente fa clic su un pulsante, si aspetta una risposta immediata, come aggiungere un articolo al carrello della spesa o aprire un menu. Se c’è un ritardo, l’utente potrebbe sentirsi frustrato e percepire il malfunzionamento del sito web. Una buona reattività significa che il sito web fornisce all’utente il feedback rapido che si aspetta.

Per i proprietari del sito web, si tratta di mantenere i visitatori felici e coinvolti. Le persone potrebbero lasciare e andare altrove se il tuo sito è lento a rispondere. Inoltre, i motori di ricerca come Google tengono conto della reattività nella classifica dei siti web. Quindi, migliorare il tuo INP può rendere gli utenti più felici e aumentare la visibilità del tuo sito online.

Qual è la differenza tra INP e FID?

La principale differenza tra INP (Interaction to Next Paint) e FID (First Input Delay) risiede nelle fasi di interazione che misurano e nel focus della loro valutazione.

Mentre entrambi sono metriche di reattività, FID misura solo il ritardo dell’input della prima interazione su una pagina. INP migliora FID considerando tutte le interazioni della pagina.

Immagina di navigare su un sito web alla ricerca di un prodotto specifico. Fai clic su un pulsante per visualizzare ulteriori dettagli sul prodotto, ma c’è un ritardo prima che accada qualcosa. Questo ritardo tra il tuo clic e la risposta del sito web è ciò che misura FID.

Ora, consideriamo una prospettiva più ampia con INP. Supponiamo di navigare attraverso lo stesso sito web, ma questa volta stai interagendo con diversi pulsanti, link e menu. INP non si concentra solo sul ritardo della prima interazione come fa FID. Invece, considera tutte le interazioni che fai sulla pagina.

Quindi, mentre FID si concentra sul ritardo della prima interazione (come il primo clic su un pulsante), INP fornisce una visione più completa considerando tutte le interazioni sulla pagina, garantendo una user experience più fluida e reattiva complessivamente.

Cosa significa questo cambiamento per i proprietari di siti web?

Se hai seguito le linee guida per migliorare le metriche dei Core Web Vitals, hai già considerato la reattività delle pagine del tuo sito web. I miglioramenti apportati per ottimizzare FID costituiscono una solida base per ottimizzare INP e migliorare l’esperienza utente.

Raccomandiamo vivamente ai proprietari del sito web di mantenere metriche positive dei Core Web Vitals per massimizzare l’efficacia della Ricerca Google e garantire un’eccellente esperienza utente. Ti incoraggiamo a esaminare i nostri sei consigli per migliorare i tuoi core web vitals per capire come le metriche dei Core Web Vitals si inseriscono in un approccio olistico all’esperienza della pagina.

Come si ottimizza l’INP?

Più bassi sono i valori di INP, maggiore è la reattività del tuo sito web.

Per ottimizzare efficacemente e ridurre il tuo INP, considera di implementare i seguenti consigli sistematici:

Consigli per ottimizzare l’INP
Utilizza Core Web Vitals Monitoring o strumenti simili per monitorare le prestazioni in tempo reale e reali degli utenti dell’INP e individuare rapidamente eventuali problemi.
Analizza le prestazioni dell’INP in modo dettagliato: tieni presente che le prestazioni scadenti possono essere causate da pagine o dispositivi specifici; quindi, analizza il punteggio INP tra pagine, dispositivi e browser per individuare la fonte del problema.
Evita lunghe attività JavaScript lunghi: ottimizza il codice del tuo sito web per renderlo più facile per i browser mostrare il contenuto e evita lunghe attività JavaScript che possono bloccare il thread principale del browser.
Utilizza il caricamento ritardato (Lazy Loading): ritarda il caricamento delle parti non essenziali del tuo sito fino a quando gli utenti ne hanno bisogno.
Evita ritardi nella disposizione: impedisce agli elementi della tua pagina di causare ritardi nella loro visualizzazione.
Considera l’uso di server CDN: pensa a modi per velocizzare il caricamento del contenuto del tuo sito dal server.

Come misurare l’INP?

Il monitoraggio dei core web vitals è fondamentale per evitare un’eventuale cattiva esperienza dell’utente, e ci sono molte ragioni per configurare un monitoraggio degli utenti reali per avere sempre sotto controllo le metriche.

A differenza di altri strumenti, come Google Page Speed Insights e Google Search Console, il monitoraggio dei Web Vitals di Clickio si basa su dati in tempo reale e reali degli utenti, quindi puoi vedere come si sta comportando il tuo sito ora e identificare rapidamente eventuali problemi da risolvere.

Il monitoraggio dei Web Vitals di Clickio ti mostra in un colpo d’occhio se il tuo sito rispetta i tre Core Web Vitals (LCP, INP e CLS) e ti permette di monitorare i tuoi punteggi per ognuno nel tempo.

Questo strumento ti consente di monitorare i tuoi punteggi con precisione a livello di pagina e ricevere avvisi istantanei ogni volta che le prestazioni deviano dall’ottimale. Analizza i dati basati su vari parametri, come pagina, dispositivo, browser, dimensioni personalizzate e altro ancora, per approfondire nelle specifiche prestazioni del tuo sito web. Identifica rapidamente le aree problematiche e prioritizza le correzioni basate sul feedback degli utenti reali.

Iscriviti oggi al nostro strumento di monitoraggio dei Core Web Vitals e prendi il controllo delle prestazioni del tuo sito web. Con gli avvisi automatizzati, sarai immediatamente avvisato ogni volta che il tuo sito non raggiunge la conformità o le metriche vitali scendono al di sotto di una determinata soglia. Resta un passo avanti e ottimizza il tuo sito web per il successo.

(Visited 22 times, 1 visits today)