La Fine dei Cookie di Terze Parti: Una Guida per gli Editori

L’eliminazione dei cookie di terze parti è stato un cambiamento atteso a lungo nella panoramica della pubblicità digitale. Originariamente previsto per il 2022, questa scadenza ha subito numerosi ritardi. L’aggiornamento più recente ha posticipato la dismissione dalla fine del 2024 all’inizio del 2025. Nonostante qualche ritardo, Google ha già disabilitato i cookie di terze parti su circa l’1% del traffico di Chrome.

Considerando che Chrome detiene oltre il 60% del mercato, questa transizione avrà profonde implicazioni per gli editori, gli inserzionisti e l’intera industria dell’ad tech. Gli editori devono quindi essere pronti per questo cambiamento.

Indice

Comprendere i cookie di terze parti rispetto ai cookie di prima parte

I cookie di terze parti vengono generati da domini diversi rispetto a quello che si sta visitando. Questi cookie sono principalmente impiegati per tracciare gli utenti attraverso vari siti web e mostrare loro pubblicità mirate. Al contrario, i cookie di prima parte sono configurati dal sito web visitato e conservano informazioni come le preferenze degli utenti e il loro comportamento di navigazione per ottimizzare l’esperienza su quel sito in particolare.

Importanza dell’eliminazione dei cookie su Chrome

Sebbene molti browser abbiano già bloccato i cookie di terze parti, il dominio di mercato di Chrome e il ruolo cruciale di Google nell’industria pubblicitaria rendono questo cambiamento particolarmente significativo. Con Chrome che detiene oltre il 60% della quota di mercato dei browser, le sue modifiche avranno un impatto sostanziale sulle pratiche pubblicitarie digitali. La decisione di Google di eliminare gradualmente i cookie di terze parti spingerà l’intera industria ad adattarsi, innovare ed esplorare nuove strategie per il tracciamento degli utenti e il targeting degli annunci mantenendo al contempo i flussi di entrate pubblicitarie.

Per il mondo post-cookie, Google e il resto dell’industria stanno seguendo approcci diversi. Google si sta concentrando sulla sua iniziativa Privacy Sandbox, che evita completamente il tracciamento 1 a 1 e invece mira a “gruppi” di utenti con interessi simili, e la maggior parte dell’elaborazione dei dati avviene localmente nel browser. Al contrario, il resto dell’industria sta sviluppando soluzioni alternative per l’identificazione. Queste soluzioni possono essere deterministiche (utilizzando identificatori persistenti come indirizzi email), oppure probabilistiche, (sfruttando algoritmi e modelli statistici per dedurre le identità degli utenti da dati anonimizzati).

Cos’è il Privacy Sandbox?

Il Privacy Sandbox di Google è concepito per stabilire nuovi standard web che tutelino la privacy degli utenti, consentendo al contempo una pubblicità efficace. L’approccio di Google si distingue per evitare l’identificazione individuale degli utenti, in quanto ritengono che tali pratiche non sarebbero sostenibili in futuro di fronte a controlli normativi e che potrebbero compromettere la fiducia degli utenti.

I principali elementi del Privacy Sandbox includono:

  • Topics API: Sostituisce il tracciamento basato sui cookie tradizionali, categorizzando gli utenti in gruppi di interesse generici. Gli inserzionisti possono targetizzare gli utenti in base a queste categorie senza tracciamento dettagliato.
  • Protected Audience API (ex FLEDGE): Consente il remarketing e il targeting di audience personalizzate senza rivelare le identità individuali degli utenti.
  • Attribution Reporting API: Misura le conversioni degli annunci proteggendo la privacy degli utenti, garantendo che gli inserzionisti possano ancora valutare l’efficacia delle loro campagne.

Quali sono le alternative per l’identificazione?

L’industria dell’ad tech sta attivamente sviluppando alternative per l’identificazione al fine di sostituire i cookie di terze parti. Ogni approccio ha i suoi vantaggi e svantaggi:

  • Soluzioni Deterministiche: Queste si basano su dati espliciti degli utenti per creare identità persistenti su diverse piattaforme, come indirizzi email o informazioni di login. Esempi includono Unified ID, RampID e SharedID. I vantaggi comprendono una maggiore precisione e affidabilità, ma ciò implica la necessità di raccogliere dati forniti direttamente dagli utenti.
  • Soluzioni Probabilistiche: Queste utilizzano algoritmi e modelli statistici per inferire le identità degli utenti basandosi su dati anonimi. Aziende come ID5 e Panorama ID forniscono ID probabilistici. I vantaggi includono una portata più ampia e minore dipendenza da dati espliciti degli utenti, ma la precisione può essere inferiore rispetto ai metodi deterministici.
  • Soluzioni Ibride: Queste combinano approcci deterministici e probabilistici per ottenere un sistema di identificazione più accurato e affidabile. Queste soluzioni mirano a bilanciare precisione e privacy, ma possono essere complesse da implementare e gestire.

Attivazione dei dati di prima parte

Con l’eliminazione dei cookie di terze parti, sfruttare i dati di prima parte diventa sempre più importante. I dati di prima parte includono qualsiasi informazione raccolta direttamente dagli utenti del tuo sito, come i contenuti con cui interagiscono, la cronologia degli acquisti e il comportamento durante la navigazione. Utilizzando efficacemente questi dati, puoi creare profili più ricchi e accurati del tuo pubblico. Considera quali dati di prima parte hai a disposizione e come puoi esporre queste informazioni al bid stream per migliorare il targeting e la rilevanza degli annunci.

Come dovrebbero prepararsi gli editori per l’eliminazione dei cookie di terze parti?

Per affrontare con successo questa transizione, gli editori dovrebbero adottare un approccio proattivo. È cruciale testare sia le API del Privacy Sandbox sia le alternative di identificazione per determinare quali funzionino meglio per le loro specifiche esigenze. Se hai una base significativa di utenti registrati, l’implementazione di una soluzione di ID deterministico potrebbe offrire maggiore precisione e affidabilità. Inoltre, la collaborazione con diverse piattaforme di lato offerta (SSP) può diversificare le fonti di entrate pubblicitarie e ridurre la dipendenza da un singolo fornitore. Considerando la complessità e la rapida evoluzione di tali cambiamenti, il coinvolgimento di un esperto come Clickio può offrire un supporto inestimabile. Clickio sta attivamente testando e ottimizzando varie alternative del settore, aiutando gli editori a massimizzare le entrate pubblicitarie e migliorare l’esperienza utente.

Esiste una diffusa convinzione tra gli editori secondo cui una volta eliminati i cookie di terze parti, il consenso degli utenti diventerà irrilevante. Tuttavia, il consenso degli utenti rimane un elemento chiave della pubblicità digitale. Sia le soluzioni del Privacy Sandbox sia i framework di identificazione alternativi richiedono il consenso degli utenti per funzionare efficacemente. Implementare una solida Piattaforma di Gestione del Consenso (CMP) è fondamentale per garantire la conformità e mantenere la fiducia degli utenti.

Conclusione

L’eliminazione dei cookie di terze parti su Chrome rappresenta un cambiamento significativo nel panorama della pubblicità digitale. Comprendere tali modifiche e prepararsi in modo proattivo consente agli editori di prosperare in un ambiente web orientato alla privacy. Collaborare con aziende ad tech competenti come Clickio e rimanere informati sui nuovi sviluppi sarà essenziale per navigare con successo questa transizione. L’esperienza di Clickio nel testare e ottimizzare varie alternative del settore può aiutare gli editori a massimizzare le entrate pubblicitarie e migliorare l’esperienza utente in questo nuovo scenario.

(Visited 8 times, 1 visits today)