L’argomento delle detrazioni di AdSense sta diventando sempre più importante, poiché il numero di editori che affrontano il problema continua ad aumentare. La principale preoccupazione è dovuta al fatto che le detrazioni di AdSense potrebbero avere un effetto drastico sulle entrate pubblicitarie. In questo blog post, scopriremo cosa sono le detrazioni di AdSense e in che modo gli editori possono evitarle.


Indice


Che cosa sono le detrazioni di AdSense e quali sono le cause?

Le detrazioni di AdSense sono apparse per la prima volta nel rapporto sui pagamenti di Google a maggio 2015. Il motivo principale è stata la necessità di rivelare la differenza tra i guadagni previsti e la somma finale pagata a un editore. Per scoprire se il tuo account è mai stato colpito dalle detrazioni di AdSense, vai sul tuo account AdSense nella sezione Pagamenti> Transazioni.

Le principali cause delle detrazioni di AdSense sono il traffico non valido e il posizionamento degli annunci che non corrispondono alle norme di Google AdSense. Altre volte Google può anche ridurre le entrate degli editori se si verificano difficoltà a ricevere compensi dagli inserzionisti.

Secondo Google, il traffico non valido è qualsiasi attività (clic o impressioni) che non è generata dell’interesse effettivo di un utente. Il termine “traffico non valido” si riferisce sia a una forma di traffico intenzionalmente fraudolento sia a clic accidentali. Esempi di traffico fraudolento potrebbero essere l’uso di software artificiali, mirati a generare più clic e traffico, e la presenza di messaggi che incoraggiano i clic sugli annunci. Di recente, il traffico non valido per clic accidentali è in aumento. Uno dei motivi è probabilmente fondato sulle tecnologie disponibili che misurano meglio le interazioni dell’utente con la pubblicità.

Le detrazioni di AdSense possono anche essere il risultato del processo di click сonfirmation process, la procedura applicata da Google quando viene rilevato traffico non valido sul sito. Di fronte ad una penalità di click сonfirmation process, la prima cosa che potrai notare è un drastico calo delle entrate senza una corrispondente riduzione del traffico. Per accertarti che sia così, controlla le metriche principali come eCPM, CTR e impressioni. Le impressioni rimarranno coerenti, mentre eCPM e CTR saranno diminuite in modo significativo.

In che modo Google applica le detrazioni?

Per mantenere un ecosistema digitale sostenibile, Google non rivela alcuna informazione concreta in merito a quando o con quale frequenza trova traffico non valido sulle pagine Web. Tuttavia, spiega come è normalmente organizzato il processo di detrazione. All’inizio, Google applica il filtro in tempo reale, ed è possibile notarne l’effetto direttamente nel report delle entrate, quando lo si monitora su base regolare, sotto forma di variazioni non previste. Queste variazioni si verificano a causa delle regolazioni automatiche dei guadagni apportate da Google in occasione di attività come doppio clic, crawler, sabotaggio, ecc.

Il secondo passaggio per gli aggiustamenti dei clic non validi viene effettuato durante il processo di finalizzazione e rivelato nei rapporti finali alla fine di ogni mese. Ulteriori detrazioni entro 60 giorni dal pagamento si verificano meno frequentemente.

Che cosa possono fare i publisher in merito alle detrazioni di AdSense?

Non c’è molto che si possa fare in merito alle detrazioni che sono già state fatte. Quello che però si può fare, è assicurare la totale conformità del sito con le norme di Google AdSense, che aiuteranno in primo luogo a prevenire le detrazioni di AdSense. Inoltre, se gli editori dovessero notare livelli insoliti di attività non valide sul proprio sito, possono avvisare il team di Google utilizzando il modulo di contatto per clic non validi.

Come prevenire le detrazioni di AdSense?

Il modo migliore per impedire qualsiasi forma di sottrazione dal proprio account è seguire le indicazioni di Google su come garantire il corretto posizionamento degli annunci ed evitare il traffico non valido sul tuo sito.

Di seguito troverai un elenco di consigli che ti aiuteranno a prevenire le detrazioni di AdSense.

  • Concentrati sul corretto posizionamento degli annunci: non posizionare gli annunci troppo vicino agli elementi cliccabili del sito come menu, navigazione o link per il download. Aggiungi margini se necessario.
  • Assicurati che i tuoi annunci siano distinguibili dal contenuto principale: etichetta tutte le tue unità pubblicitarie come “Pubblicità” o “Link sponsorizzati”.
  • Controlla il posizionamento degli annunci da diversi dispositivi: assicurati il ​​corretto posizionamento degli annunci sia su dispositivi mobili che desktop.
  • Non ingannare gli utenti: è vietato utilizzare trucchi fuorvianti come offrire compensi, usare intestazioni confuse o attirare l’attenzione sugli annunci in modo innaturale.
  • Analizza il tuo traffico: evita il traffico proveniente da fonti a pagamento ed esegui regolarmente analisi della qualità del traffico.

Per saperne di piu, visita il Google AdSense Policy Centre.

Sappiamo bene che la conformità e il seguire tutte le normative non è mai facile.  Qui in Clickio sviluppiamo i nostri prodotti in conformità con le regole fin dall’inizio, per proteggere gli editori da qualsiasi violazione che possa influenzare in modo significativo i risultati delle entrate pubblicitarie. Un modo per prevenire le detrazioni di AdSense è Prism, una tecnologia sviluppata da Clickio che trasforma qualsiasi sito di contenuti in una Progressive Web App (PWA). Oltre ad aumentare la velocità, il coinvolgimento degli utenti e le entrate, la tecnologia è conforme a tutte le normative che forniscono agli utenti un’esperienza migliore.

Contattaci se vuoi saperne di più.