Mentre molti editori si concentrano sui tassi CPM, la statistica più importante per misurare le prestazioni complessive della pubblicità sul vostro sito è l’RPM di sessione. Qui spieghiamo cosa possono fare gli editori per aumentare l’RPM di sessione e incrementare le loro entrate dalla pubblicità display.

Indice

Cos’è l’RPM di sessione?

Come spiegato in questo precedente articolo del blog, RPM è l’acronimo di “revenue per mille”, quindi l’RPM di sessione è il guadagno generato per ogni 1.000 sessioni sul vostro sito web. Le sessioni sono più o meno equivalenti alle visite: una sessione è tutto ciò che un utente fa sul vostro sito finché non se ne va o non rimane inattivo per almeno 30 minuti.

L’RPM di sessione è uno dei modi migliori per misurare l’efficacia complessiva della vostra pianificazione pubblicitaria, poiché, a differenza dell’eCPM, considera le entrate totali generate da un utente che visita il vostro sito.

Cosa potete fare per aumentare il vostro RPM di sessione? Ecco sei suggerimenti da prendere in considerazione.

1. Aumentare la visibilità degli annunci

È possibile inserire nella pagina tutti gli annunci che si ritengono opportuni, ma se hanno una bassa visibilità (cioè se ne appare solo una piccola parte sullo schermo o se non rimangono visualizzati abbastanza a lungo) è difficile che vengano cliccati e gli inserzionisti non saranno disposti a pagare molto per le impressioni. 

Cercate quindi di assicurarvi di avere unità pubblicitarie che possano essere viste sopra la piegatura. In altre parole, l’utente non deve scorrere verso il basso per vederle. Potreste anche prendere in considerazione l’implementazione di unità pubblicitarie persistenti (sticky), che rimangono visibili mentre l’utente scorre la pagina.

Per ulteriori indicazioni su come migliorare la visibilità degli annunci, consultate questo precedente articolo del blog

2. Connettersi a più demand partner

Se vi affidate a una sola piattaforma pubblicitaria, come Google AdSense, potreste perdere le offerte più alte degli inserzionisti. L’implementazione dell’header bidding vi consente di offrire il vostro inventario di annunci a più ad exchange contemporaneamente, aumentando così la concorrenza, il che può contribuire a incrementare i vostri introiti pubblicitari. 

Lavorare con un partner editoriale certificato da Google, come Clickio, vi permette di connettervi a più partner di domanda premium tramite l’header bidding, oltre che con il server-to-server bidding e l’open bidding tramite Google Ad Manager.

3. Considera l’utilizzo di uno smart refresh degli annunci

Il refresh degli annunci ricarica automaticamente gli annunci nella stessa posizione dopo un certo periodo di tempo o dopo un fattore specifico, come lo scorrimento della pagina da parte dell’utente. In questo modo è possibile ottenere un maggior numero di impressioni e potenzialmente un maggiore guadagno con lo stesso inventario di annunci. 

Tuttavia,per evitare di ridurre la visibilità, è importante verificare che le reti pubblicitarie con cui si lavora lo consentano e che siano impostate nel modo giusto. Dopo tutto, se l’annuncio viene aggiornato quando l’utente l’ha già superato, è improbabile che venga visto. Lo smart refresh degli annunci tiene conto di una serie di fattori per determinare quando un annuncio deve (o non deve) essere ricaricato, in modo da massimizzare le impressioni e mantenere al contempo un’elevata visibilità.

4.  Velocizza il tuo sito

Non importa quanto sia interessante il vostro contenuto, se il sito non si carica abbastanza velocemente, i visitatori non si prenderanno la briga di rimanere a leggerlo. Infatti, secondo Google, il 53% dei visitatori di un sito web abbandona un sito mobile se impiega più di tre secondi per caricarsi. Inoltre, un sito lento, in cui gli annunci o le immagini si caricano in ritardo, può causare improvvisi spostamenti del layout. Questo non solo infastidisce gli utenti, ma può anche portare a clic non validi e a penalizzazioni da parte di Google, che ridurranno le vostre entrate.

È possibile verificare la velocità del sito e identificare potenziali problemi utilizzando lo strumento Page Speed Insights. In particolare, prestate attenzione ai Core Web Vitals, le misure principali di Google sull’esperienza dell’utente che influiscono sulle classifiche di ricerca. Se uno di questi indicatori non è conforme, vale la pena di impostare il monitoraggio degli utenti reali, al fine di individuare i problemi e verificare la conformità nel tempo.

Altri suggerimenti per aumentare la velocità del sito sono:

  • Evitare lunghe operazioni Javascript, che possono causare alcuni dei più comuni problemi di prestazioni del sito web.
  • Impiegare il lazy loading (caricamento pigro), in modo che gli annunci pubblicitari e altri elementi pesanti, come le immagini di grandi dimensioni, vengano visualizzati solo quando sono necessari, cioè quando l’utente scorre la pagina.
  • Utilizzo di una rete globale di distribuzione dei contenuti (CDN). In questo modo, i dati memorizzati nella cache del vostro sito saranno consegnati più vicino al luogo in cui si trovano i vostri utenti, il che significa che le pagine saranno caricate più rapidamente.

5. Migliora la navigazione del sito

Un modo fondamentale per aumentare l’RPM di sessione è quello di incoraggiare i visitatori a trascorrere più tempo sul vostro sito, visualizzando più contenuti. Sebbene ciò sia in parte dovuto alla qualità dei contenuti, è anche vero che se i lettori non riescono a trovare ciò che desiderano, è più probabile che se ne vadano.

Pensate quindi con attenzione al layout del vostro sito, a come suddividete i contenuti in categorie e a cosa avviene quando un utente raggiunge la fine di un articolo. Funzionalità come lo scroll infinito (in cui i nuovi articoli continuano a caricarsi man mano che l’utente si sposta verso il basso dello schermo) e lo swipe istantaneo (in cui gli utenti possono passare all’articolo successivo con un rapido scorrimento sullo schermo del cellulare) possono contribuire ad aumentare considerevolmente il tempo di permanenza sul sito. Al contempo, anche la presentazione di altri articoli correlati in fondo a un particolare contenuto può funzionare bene per aumentare il tempo di permanenza sul sito. 

6. Unitisci a Clickio

Come abbiamo visto, ci sono diversi fattori che possono influire sull’RPM delle sessioni, ottenere il mix ideale per il vostro sito può richiedere numerosi test e miglioramenti tecnici. Ma se preferite concentrarvi sui contenuti, la soluzione potrebbe essere quella di collaborare con un partner editoriale certificato da Google, come Clickio.

La piattaforma alimentata dall’intelligenza artificiale di Clickio consente di connettersi facilmente a più partner di domanda premium in un unico luogo. La piattaforma testa costantemente una serie di layout, posizionamenti e impostazioni degli annunci per trovare la combinazione più redditizia, inoltre un account manager dedicato lavorerà con voi per ottenere la migliore impostazione degli annunci per il vostro sito.

Gli editori Clickio possono anche accedere a strumenti di ottimizzazione del sito come Prism, il nostro modello mobile basato su cloud, che consente di aumentare facilmente la velocità del sito e di aggiungere funzioni di navigazione simili a quelle di un’app. In effetti, gli editori che utilizzano Clickio Prism registrano un aumento medio del 45% del tempo di permanenza sul sito e del 59% del numero di sessioni RPM.

Clicca qui per registrarti subito su Clickio o contattaci per maggiori informazioni.